La Baia di Fregene – trattoria di mare all’insegna della qualità

Ristorante La Baia Fregene

- immagine tratta dal sito web ufficiale e ritenuta di pubblico dominio -

NEW! Tavole Romane è tornata in visita: leggi gli aggiornamenti seguendo il link

Fregene, una delle dame di compagnia della nostra maestosa Roma. Ne accarezza i confini urbani per poi volgere verso il mare con le sue strade alberate di conifere, le sue basse case marine dal classico colore biancolatte e il suo lungomare apparentemente trasandato – per via delle tante aiuole incolte e della sterpaglia lasciata crescere quà e là – ma puntellato di stabilimenti, che di giorno servono i bagnanti e di sera animano l’atmosfera trasformandosi in locali per l’aperitivo o in ristoranti di mare.
La Baia è incastonata – da anni – proprio in questo tratto di costa nel Villaggio dei Pescatori di Fregene. Stabilimento balneare con spazio ristorazione attivo sia di giorno sia di sera. Alla grossa sala interna arredata sui toni del marrone sono annessi due ulteriori ambienti dall’aspetto informale: una veranda spaziosa fronte mare con pavimento in legno e una subito accanto riparata tutt’intorno da tende “mobili” sfruttata anche fuori stagione. Cenare qui all’aperto – accomodati sulle sedie marroni dall’alto schienale, godendosi l’aria e i movimenti del mare – è un vero piacere!
Il protagonista della cucina è il pesce fresco, che in diverse preparazioni si combina in modo riuscito anche a sapori di terra (verdure e formaggi). Le realizzazioni crude e cotte preservano l’autenticità dei sapori, esaltati anche dall’uso di spezie e condimenti azzeccati. E’ d’obbligo prenotare.
Il servizio – in polo bianca firmata “La Baia” – rimane sempre veloce, ma alterna a momenti di estrema attenzione (si è spesso soffermato a chiedere come stesse procedendo la serata), momenti di incertezza a volte dettati – a nostro avviso – dal tentativo di “fare un salto” verso un tipo di ristorazione più ricercato. Ma a noi piace così – Trattoria di Mare – come recita l’insegna…e ci auguriamo si preservi a lungo.

Le nostre pagelle:

  • Ospitalità 6,5
  • Ambiente 6,5 (8 in estate)
  • Mescita 6,5
  • Cibo 7,5
    • Antipasti 7
    • Primi 8
    • Secondi non provati
    • Contorni non provati
    • Dessert 6
    • Pane 6,5

Prezzo:

  • Pasto: 3540€ (pescato 5,56,0€/hg, misto crudo 20€) [aggiornamento di marzo 2012] 

In breve:
Mare…profumo di Mare…alla Baia voglio tornare…

Informazioni pratiche:
Sito web: http://www.labaiadifregene.it/
Indirizzo: via Silvi Marina 1, 00054 Fregene RM (come arrivare)
Orario: aperto a pranzo e a cena (chiuso il lunedì)
Tel. 06.66561647

…dalla nostra esperienza:

Diverse volte nei weekend passati abbiamo provato a riservare un tavolo, ma con scarsi risultati a causa del “tutto esaurito”. Poi un venerdì lavorativo di luglio – attratti dall’idea di una buona cena in riva al mare, dopo aver sofferto la calura diurna – abbiamo tentato una prenotazione in tarda mattinata per l’ora di cena (ore 21.30) ed è andata!
Ci ha accolto qualche defaillance del servizio: avevano segnato erroneamente la prenotazione al giorno dopo e ci hanno detto di attendere qualche minuto…la provvidenziale disdetta di una tavolata ha risolto il momento di empasse, ma nell’accompagnarci ai posti a sedere – certi che si sarebbero scusati facendoci accomodare ai coperti più “prestigiosi” (esterni fronte mare) - sono “scivolati”. Li hanno lasciati liberi per amici…che scopriremo qualche minuto dopo essere un calciatore ormai “fuori scena” con compagna.
Ci ha congedato la soddisfazione per i buoni piatti gustati all’aria di mare e in atmosfera “vacanziera”.

La visita si riferisce a venerdì 23 luglio 2010.

Citazioni dalla cucina:

Antipasti: chi va alla Baia per la prima volta non può non assaggiare il crudo (9€ o 17€ il gran misto), “ben portato” da tartare, carpacci e crostacei. Si lascia apprezzare la buona scelta delle materie prime e dei condimenti per la realizzazione. Avendo  gustato il crudo diverse volte, questa volta abbiamo deciso di “appuntare lo stomaco” con un misto caldo e spatola, un piattino composto da due alici impanate, fritturina mista – arricchita naturalmente con pesce spatola - e due polpettine di pesce e ricotta…che spiccavano! Molto appetitoso e non unto: sufficiente però solo per una persona (come anche il prezzo di 8€ lasciava pensare). Consigliamo anche la pluriprovata passatina di ceci con polpo verace, non ancora ribattezzato Paul come alcuni amano fare ” a menu” in questo periodo!

frittura di pesce

- fritto “Misto caldo e spatola”, immagine realizzata da Tavole Romane* -

Primi: restano il vero pezzo forte. Tutti di pesce e tutti dal gusto genuino. Spopolano linguine, paccheri e millerighe di Gragnano. Siamo tornati sul riuscito evergreen paccheri con astice e pomodorino pachino (17€, mentre gli altri primi variano tra 11€ e 15€): da appuntare stavolta un astice non particolarmente polposo, ma sempre abbondante. 

Paccheri all'astice

- paccheri con astice e pachino, immagine realizzata da Tavole Romane* -

In più abbiamo provato una versione dei paccheri con cozze, melanzane a funghetto, pomodoro fresco e cacioricotta. Cozze un po’ anonime ma accostamenti molto gradevoli. Ci permettiamo di suggerire – sulla scia delle esperienze passate e della mantenuta qualità – anche linguine con ricciola e bottarga e rigatoni alla carbonara di mare con cozze e spada.

Paccheri cozze, melanzane e cacioricotta

- paccheri con cozze melanzane e cacioricotta, immagine realizzata da Tavole Romane* -

Secondi: a questo giro non provati…ma le grigliate, i crostacei, le tagliate di tonno e le fritturine che volavano dalla cucina ai tavoli avevano l’aspetto di sempre…e intuiamo a giudicar dal resto anche i sapori.

Contorni: non provati

Dessert: sia frutta di stagione sia dolci – in diverse scelte – preparati dalla casa: tiramisù, semifreddi, meringhe, ecc. Abbiamo provato un semifreddo al torroncino che non ci ha conquistato per gusto (troppo “pannoso”) e per consistenza (troppo “congelato”) più una buona e zuccherina fetta di anguria peraltro ad un prezzo molto onesto (3€) mentre i dolci variano tra i 5€ e i 7€.

Semifreddo

- semifreddo al torroncino, immagine realizzata da Tavole Romane* -

Pane: cestino di pane bianco e sigari (dei corti e grossi grissini).

Per la scelta del vino è giunto al tavolo il sommellier, molto gentile ma un pò “sbrigativo” forse perchè eravamo interessati a 2 calici alla mescita e non a una bottiglia. Senza chiederci cosa avessimo ordinato ci ha consigliato una sola etichetta, che comunque ha ben accompagnato la nostra cena (5€ a bicchiere).

* Le immagini realizzate da Tavole Romane sono pubblicate sotto una Licenza Creative Commons

Share

About these ads

2 pensieri su “La Baia di Fregene – trattoria di mare all’insegna della qualità

  1. Ciao,
    viste le belle giornate sono andato a provare questo ristorante che si trova all’interno di uno stabilimento balneare di Fiumicino.

    Ovviamente ho prenotato nella veranda fuori e siamo capitati nel posto migliore, quello cioé che si affaccia sulla spiaggia di fronte al mare dello stabilimento.

    Abbiamo ordinato antipasti di mare fritti per due (buoni ma sono pochini…direi che andrebbero sicuramente rafforzati senza per questo far perdere il gusto della prossima portata). Sono rimasto un po’ dubbioso sulle polpette di Cernia… Non mi hanno convinto eccessivamente.

    Come primi piatti abbiamo preso paccheri all’astice e i classici spaghetti alle vongole. L’astice era sicuramente fresco e il piatto in generale l’ho trovato molto buono e ben amalgamato. Una nota di merito merita il non averlo ucciso nella panna, o salse varie, al contrario di quanto purtroppo spesso accade in tanti altri ristoranti della zona…
    Anche la pasta con le vongole era buona.

    Come frutta abbiamo preso l’ananas, simpatica la “composizione” sul piatto, ma… porzioni troppo piccole, eppure la frutta non fa ingrassare !:)

    Totale conto per due persone, comprensivo di caffé e acqua: 60 euro.

    Giudizio complessivo molto buono, sicuramente da riprovare per assaggiare qualche altro piatto magari tra i meno classici.

    Marco

  2. Care Tavole Romane,
    al secondo tentativo centro pieno!
    Premetto che dopo una settimana tra Catania e San Vito lo Capo, il pensiero di riaccostarmi ad una mensa a base di pesce non solleticava particolaremente la mia fantasia…e neanche il mio appetito. Della serie “meglio della Sicilia non può essere”…
    Eppure sono rimasto piacevolmente sorpreso…
    atmosfera rilassata ma non dimessa, servizio cortese e veloce, ottima la varietà dei vini (noi abbiamo optato per un vermentino di gallura).
    Un luccichìo nei miei occhi si è accesso nell’assaggiare una squisita cruditè (menzione d’onore per gli scampi e le tartare di tonno e salmone) e non da meno gli evergreen paccheri con l’astice.
    Un buon tiramisù per chiudere la cena ed avviarsi verso una piacevole passeggiata sulla bella spiaggia dello stabilimento.
    Approvato con 27.

    Rosario

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...