Bocca di Dama – brunch domenicale in pasticceria “contemporanea”

Con questo post su Bocca di Dama tocchiamo per la prima volta San Lorenzo, il quartiere degli studenti per antonomasia non fosse altro per la vicinanza con la Sapienza e per i tanti universitari fuori-sede che proprio qui scelgono di alloggiare. Solo un paio di decenni fa erano ancora evidenti i segni dei bombardamenti qui e lì sui tetti, poi negli anni i programmi urbanistici ne hanno risollevato le sorti, valorizzato quell’aria popolare che fin dal dopoguerra lo caratterizza e reso punto di incontro con i suoi tanti ristoranti, pub, birrerie e associazioni culturali.
In questo contesto Bocca di Dama si inserisce a pennello. Nasce giusto qualche anno fa nei locali – ristrutturati per l’occasione – di una vecchia rimessa all’angolo tra via dei Marsi e via di Porta Labicana. Un vero e proprio laboratorio di dolci creazioni che fonde ingredienti mediterranei – come mandorle e pistacchi – con lo stile anglosassone e che ha saputo andare oltre estendendo l’offerta di pasticceria take away anche al salato, alle consumazioni sul posto e a corsi di cucina. 
Il locale in cui fare acquisti o sostare si esaurisce in un unico ambiente dagli alti soffitti e due vistosi lampadari. A sinistra dall’ingresso il bancone pasticceria, di fronte un tavolo rettangolare in cui allestiscono i prodotti del momento o il brunch alla domenica, a destra tavolini e sedie. Tutt’intorno mobiletti e scaffali in cui sono esposti biscotti, praline, marmellate, salse, conserve e qualsiasi cosa Bocca di Dama realizzi. Una porta a vetri lascia intravedere il retro-bottega dove tutto nasce. 
L’offerta è già svelata: prodotti di pasticceria a portar via o da consumare in sala e brunch alla domenica con preparazioni dolci e salate e formula a buffet sia per il cibo, sia per le bevande. E’ evidente una certa accuratezza nella realizzazione dei piatti, nella scelta degli accostamenti e nel grazioso allestimento al centro della sala.  Nel suo insieme la qualità dell’offerta convince e soddisfa, ma a nostro gusto non in tutti i piatti riesce a essere “equilibrata”: raggiunge ottimi livelli in alcuni piatti e punte opposte in altri.
Il servizio è la parte che meno ci ha convinto, sia quello al bancone lento e parco di spiegazioni alle domande poste, sia quello in sala più intento a “accatastare” gli ospiti uno sull’altro nel piccolo spazio disponibile, che a preoccuparsi di come rendere piacevole la sosta ai clienti. Ci viene da pensare che possa essere dovuto alla ripartenza del brunch proprio nel giorno della nostra visita. Se non è così a nostro avviso c’è ancora non poco da fare.
A parte qualche pecca, Bocca di Dama è un indirizzo che si fa apprezzare per l’originalità nel suo modo di fare “pasticceria” e per essere riuscita a portare in tavola un brunch dall’offerta non scontata, che ben si colloca nel panorama romano.

Le nostre pagelle (Brunch):

  • Ospitalità 5,5
  • Ambiente 6,5
  • Mescita non provata
  • Cibo 7
    • Salato 7
    • Dolce  7,5

Prezzo:

  • Pasto: 18€ (buffet salato e dolce, 1 dolce aggiuntivo al bancone, acqua, succhi e bevanda calda)

In breve:
♥ Una Dama per le vie di San Lorenzo

Informazioni pratiche:
Sito web:  http://www.boccadidama.it/
Indirizzo: via dei Marsi 2-6, 00185 Roma (come arrivare)
Orario: Brunch domenica 12:00 – 16:00  (pasticceria aperta mar-dom 8:00 – 20:00, sab 9:00 – 22:00)
Tel. 06.44341154

…dalla nostra esperienza:

Dopo un passaggio da Bocca di Dama nel periodo natalizio (ne era nata una citazione nel nostro post per Dissapore sui 15 migliori dolci di Roma) siamo tornati in occasione della riapertura del brunch…

 La visita si riferisce a domenica 23 gennaio 2011.

Citazioni dalla Cucina:

Continua a leggere

Le Bistrot dal 1987 – gusto vegetariano a Garbatella *Aggiornamento*

Aggiornamento del precedente articolo che consigliamo di leggere per una vista d’insieme su questa Tavola e per le informazioni pratiche.

Era davvero tanto tempo che non mettevamo piede qui…a “casa” delle simpatiche e sempre sorridenti proprietarie e sorelle Daniela e Barbara.
E già mentre scendevamo i gradini per entrare in sala ci rendevamo conto che Le Bistrot ci era proprio mancato!  
Un angolo di quiete che tale è rimasto, con il suo genuino contrasto tra un ambiente irrimediabilmente “kitsh” e una cucina sapientemente semplice e di gusto che mai delude nonostante lo scorrere del tempo.
Sala al completo: resta valido il consiglio sulla prenotazione al precedente post!

La visita si riferisce a venerdì 21 gennaio 2011.

Cosa c’è di nuovo?

Continua a leggere

Assaggi d’Autore – sosta per il tea time e non solo

Con questo articolo introduciamo una novità! Inauguriamo infatti con il racconto su Assaggi d’Autore la categoria di locali consigliati per il “tea time”: un’offerta non facile da scovare a Roma, specie quando si tenta di soddisfare il desiderio di sorseggiare ricercati the in foglie in un ambiente confortevole (magari con connessione WiFi) e rilassante e  – perchè no – accompagnando il tutto con qualche buon prodotto di pasticceria.
Siamo nei pressi di Fontana di Trevi, in una via che conduce proprio di fronte al “mare”.  Qui a metà strada si trova l’ingresso di Assaggi d’Autore, ex Papirus Cafè. La gestione è rimasta la stessa ma la formula è cambiata: l’offerta alla carta è stata sostituita dal buffet “fai da te”.
L’ambiente è grazioso, curato ed invita al relax. Si entra direttamente in una sala lunga e rettangolare con dislocati lungo il cammino dei tavolini, ora rettangolari e bianchi ora tondi e scuri, ora con sedie o sgabelli (sempre bianchi come i tavolini) ora con comode poltroncine rosse. Proseguendo sulla destra si incontra il bancone bar e di fronte uno spazio in cui allestiscono i buffet. In fondo l’ingresso per la seconda sala. Lungo le pareti corrono scaffali – sempre bianchi – con libri che molto dicono in fatto di cucina: guide alla ristorazione, ricettari, testi specializzati su vini, birre, formaggi…e molto altro.
L’offerta segue il giorno: dalla colazione all’aperitivo, passando per il buffet a pranzo – o il brunch alla domenica – e per il the del pomeriggio. Abbiamo provato Assaggi d’Autore giusto per l’ora del the. Hanno – oltre ai consueti prodotti da caffetteria – una piccola e buona selezione di the nero (semplice, affumicato, aromatizzato con scorza di arancia, con essenza naturale di bergamotto,..), verde (liscio, aromatizzato al gelsomino, bancha al limoncello o alla fragolina di bosco,…) e bianco più qualche tisana (del buon respiro e dopopasto).  E’ possibile accompagnare le bevande con dolci preparati freschi. Al momento della visita la tavola era imbandita con mini muffin caldi bianchi (gusti mele, fragole o pistacchio) e neri al cioccolato (gusti nocciole o pistacchio), torta pere e cioccolato, crostata di marmellata scura e qualche apprezzabile dolce  senza glutine (torta caprese e torta alla mandorla con arancia). Oltre a bere un ottimo the verde alla fragolina di bosco abbiamo gradito i mordibi e profumati muffin. Provati il bianco alle mele e il nero alle nocciole: entrambi soddisfacenti! Scrutando quì e lì nel locale (dalla lavagnetta) e facendo quattro chiacchiere con la proprietaria siamo venuti a conoscenza di una formula brunch a 10€ (acqua e pane incluso). Ne abbiamo peraltro osservato i resti sui tavoli…stavano sparecchiando il buffet quando siamo entrati per il the. Non mancheremo di provarla! Sempre a buffet l’offerta dell’aperitivo.
Il servizio è sorridente, disponibile e attento a mettere i clienti a proprio agio. Un po’ più distaccata ci è sembrata la proprietaria intenta a far riportare in ordine la sala post brunch.

Le nostre pagelle:

  • Ospitalità 6,5
  • Ambiente 7
  • The 7
  • Dolci 6,5

Prezzo:

  • The: 5€ (biscotti e brownie 0,50-0,80€, mini muffin 1,5€, dolci e crostate 3,5€-5€)
  • Caffè: 2€
  • Pasto: 12€ 10€ (un piatto del brunch, 6€ per piatto aggiuntivo) [aggiornamento del 6 gennaio 2012]

In breve:
♥ ABC…T: Aperitivo, Brunch, Colazione…The!

Informazioni pratiche:
Sito web: http://www.assaggidautore.com/  
Indirizzo: via dei Lucchesi 28, 00187 Roma (come arrivare)
Orario: tutti i giorni 09:00-22:00
Tel. 06.6990949

* Immagini realizzate da Tavole Romane, pubblicate sotto una Licenza Creative Commons 

Share

Racconto di “dolci” incontri e pensieri da Tricolore

 
Sono trascorsi diversi giorni dall’ incontro di fine anno che abbiamo organizzato da Tricolore in via Urbana 126. Smaltita la sbornia da festeggiamenti per l’arrivo del 2011 e dopo qualche giorno di relax che abbiamo trascorso in montagna è arrivato – insieme alla ripresa della quotidianità lavorativa –  il momento del nostro racconto di quella “dolce” mattinata del 31 dicembre.

Se non li avete ancora letti, non perdete i racconti dei blogger che hanno partecipato e voluto condividere la propria esperienza. Ci sono veramente piaciuti! 

- Nathalie “Spacedlaw” Il Croissant è Tricolore!
– Daniela “Senza Panna” Capodanno Tricolore sulle Tavole Romane  
– Lorenzo “Linguini” Cronache Natalizie part.3: “Un Tranquillo Capodanno SSSPUMEGGIANTEEE!”

Ma come abbiamo vissuto noi quella mattinata?

Continua a leggere

Eventi a Roma: i siti web da non perdere


Con l’edizione numero ventisette e con l’arrivo del nuovo anno abbiamo archiviato (o meglio sospeso) i nostri consigli settimanali su eventi culturali e d’intrattenimento per godersi Roma e dintorni, nel weekend e nelle serate in cui si ha voglia di uscire. Chi ci segue abitualmente lo avrà già notato!
La decisione non è stata facile visto l’interesse riscosso e il dispiacere che ci hanno già confidato alcuni amici aficionados alla lettura di questi articoli. Ma le iniziative in cantiere per Tavole Romane sono tante e il nostro tempo libero sempre troppo poco: sospendiamo così per il momento questa finestra sugli eventi romani. Non nascondiamo che uno dei motivi di questa scelta è anche legato alla “pluri-esistenza” di già tante valide e affidabili fonti web per rimanere informati su cosa succede in città e nei dintorni.  
Comunque chissà, forse in futuro i nostri appuntamenti con gli Eventi torneranno …e magari in una forma più utile e rinnovata…e perchè no, insieme al restyling del blog che già ci sta tanto occupando e divertendo!
Con questo articolo di “saluto” vi lasciamo quindi alcuni suggerimenti di siti che seguiamo abitualmente, per ora con 3 link per ciascuna delle categorie con cui siamo soliti raggruppare gli eventi. Ma è un work in progress e lo aggiorneremo in base alle nuove scoperte che faremo. E se volete condividete pure nei commenti altri siti che secondo voi meritano di essere seguiti!

Mostre e Arte

Exibart: non solo Roma, con continui aggiornamenti e notizie su eventi e mostre d’arte presentati con una formula innovativa e molto partecipata. Complimenti al Direttore editoriale Tonelli e a tutto lo staff che lo gestisce.
Aggiornamento (maggio 2011): recentemente il “Direttor Tonelli” è passato nello staff che dirige il nuovo interessante magazine Artribune.

Musei in Comune: portale del “sistema museale del Comune di Roma” che gestisce musei e aree archeologiche pubbliche romane. Hanno anche un blog e una presenza su twitter (@museiincomune) anche se la diffusione ci sembra stentare ancora un pò.

Scuderie del Quirinale e Palazzo delle Esposizioni: tra i principali poli espositivi romani con grandi mostre in due edifici che da soli meriterebbero il biglietto (mozzafiato il panorama di Roma dalle scale di uscita delle Scuderie!). Se li frequentate il tesseramento annuale è un buon modo per risparmiare ed evitare le code (spesso lunghe) all’ingresso.

Cinema

Mymovies: una “enciclopedia” sempre aggiornata sui film nelle sale e tutto ciò che ruota intorno al cinema. Ormai da anni la consultiamo costantemente e ci continua a stupire per la ricchezza e affidabilità dei contenuti, che utilizzano al meglio la multimedialità e il 2.0.

Cinematografo: portale della fondazione ente dello spettacolo per la “diffusione, promozione e valorizzazione della cultura cinematografica in Italia”. Buoni i contenuti e c’è anche la possibilità di sfogliare online la loro rivista.

Il KINO: nuova sala cinematografica del Pigneto. Inaugurerà tra pochi giorni e consigliamo di tenerla d’occhio. Promette un’offerta che è una gradita novità per Roma con “film fuori dal circuito, inediti, perle rare sfuggite alla grande distribuzione, e poi vecchi film di culto, film indipendenti, anteprime, documentari, cinema italiano di alta qualità”. E’ aperto il tesseramento per chi vuole finanziare il progetto…e aspettiamo presto l’inaugurazione!

Teatro

Teatro e Critica: recensioni indipendenti in un sito che vuole offrire “informazioni, immagini e sguardi critici dal mondo del teatro”.

Spettacoloromano: portale dell’AGIS Lazio con programmazione e informazioni pratiche per più di 60 teatri di Roma.

Teatro Ambra: il nuovo Teatro alla Garbatella gestito da Serena Dandini e dalla sua squadra. Il programma 2011 è stato pubblicato da pochi giorni e ci piace anche la politica dei prezzi (15€ a spettacolo + prevendita, ancora meno con le formule di abbonamento). Da tenere sott’occhio anche gli eventi speciali che organizzeranno. Ben gestita la pagina Facebook e speriamo arrivi presto anche il sito web.

Musica

Auditorium Parco della Musica: musica ma anche tanti altri generi in quello che in questi anni è diventato un centro culturale degno delle migliori capitali mondiali, con una programmazione in grado di soddisfare tutti i gusti e diversi festival internazionali di livello (il prossimo dal 20 al 23 gennaio dedicato alle Scienze). Sito facile da navigare e sempre aggiornato.

Rockol e Musica Italiana: tutti i tipi di notizie e informazioni che gli appassionati di musica pop e rock possono desiderare. La sezione dedicata alla musica italiana ha un forum molto attivo.

Agenda online – Concerti: popolare portale di informazioni turistiche per tutta Italia e per alcune destinazioni mondiali. La sezione concerti a Roma è sintetica e utile. Per fruirne però bisogna sopportare la pubblicità secondo noi un pò troppo “invasiva”.

Fuori Porta

Roma&più: sito web della Provincia di Roma lanciato da qualche settimana e interamente dedicato al tempo libero. Si propone di essere una guida alle meraviglie della nostra provincia…e a noi sembra già riuscirci!

Eventi e sagre: uno dei riferimenti più completi per decidere dove trascorrere una gita fuori porta. Suddiviso per Regione e con diversi filtri (un pò “old style”) per facilitare le ricerche, ci piace anche se ha qualche banner pubblicitario di troppo.

Lazionauta: portale dei piccoli Comuni (meno di 2.000 abitanti) del Lazio, con tante informazioni utili e notizie per una “micro” gita fuori porta.

Generali

060608: il numero telefonico dedicato alla cultura gestito dal Comune di Roma sicuramente lo conoscete (da memorizzare insieme allo 060606 per i servizi al cittadino) ma la versione web è ancora più pratica, organizzata per categorie di eventi e sempre aggiornata e completa. Anche in versione Inglese.

Save the Date – Zingarate: portale “zingaro” dedicato agli eventi. Non perdiamo mai di vista i post con i suggerimenti per il weekend a Roma, organizzati con una semplice lista suddivisa per giorno e i link per approfondire ciascun evento.

Roma Giorno e Notte: gli eventi della Capitale (e non solo) presentati e raccontati in una testata giornalistica online nata da pochi mesi e che abbiamo iniziato a seguire pochi giorni fa. Il progetto promette bene e facciamo un in bocca al lupo a Maria Pia Miscio e alla sua redazione.

E dopo questa sfilza di link da salvare su google reader o sugli strumenti che preferite chiudiamo citando una fonte cartacea tradizionale, la nostra preferita tra quelle free o allegate a giornali e riviste: Trovaroma, il supplemento del giovedì de La Repubblica. Apprezzabile anche la sintesi in inglese the best in Rome disponibile su web.
E per la nostra versione sui siti in lingua inglese che parlano di Roma è in arrivo un articolo dedicato!

Per chiudere ricordiamo la mappa con tutte le Tavole raccontate nel blog, per chi vuole abbinare all’uscita anche una sosta culinaria.

Share

Antica Schiacciata Romana – La pinsa a Monteverde Nuovo

A guardare la mappa di zona è proprio lampante: in poco meno di due chilometri un asse congiunge tre delle migliori pizze della Capitale. Tutte alte, più ispirate allo stampo napoletano che a quello romano.
Agli estremi (dell’asse) la Gatta Mangiona e La Fucina, nel mezzo l’Antica Schiacciata Romana.
Il progetto di cui fa parte L’Antica Schiacciata Romana nasce nel 2001 con l’apertura della Pratolina (in Prati).
L’obiettivo: la produzione di una pizza speciale dall’impasto fragrante e leggero. Gli ingredienti magici: una lunga e attenta lavorazione (due ventilazioni, con maturazione di minimo 48 ore) unita all’uso di farine selezionate. A distanza di dieci anni dall’avvio il risultato continua ad essere davvero degno di nota: la pinsa o la schiacciata (la chiamano differentemente a seconda di dove la gustate!) si mantiene ad elevati livelli sia nella storica sede La Pratolina nel quartiere Prati, sia da Antica Schiacciata Romana, sia nell’ultima apertura (circa un anno e mezzo fa) I Marchi a Montesacro (che molto probabilmente- ci dicono – cambierà nome). I locali hanno praticamente la stessa offerta ma sono tutti e tre allestiti con arredi diversi, proprio ad evitare pensieri e richiami alla formula franchising.
L’ambiente dell’Antica Schiacciata Romana è semplice e i locali ampi: quattro vetrine su strada che lasciano intravedere l’interno, un mini ingresso con doppia porta, tre sale (due più grandi alla destra e alla sinistra dell’entrata e una più piccola annessa), cassa sul fondo, pareti e soffitto sui toni del bianco e del rosso, tavoli opportunamente distanziati tra loro. A dire il vero – a osservarne la disposizione nell’ultima visita e a giudicare il rumore di sottofondo (ridotto rispetto al passato) – ci è sembrato che avessero ridotto il numero. Il locale a destra entrando – a cui si accede scendendo di qualche scalino – è  lo spazio più ampio, che oltre ad ospitare il maggior numero di tavoli (peraltro alcuni con delle comode sedute a divanetto) e una grossa lavagna a muro, su cui è narrata in poche righe la storia della pinsa, lascia intravedere il forno sulla simpatica parete dallo sfondo a “catasta di legna”. Completano le scene gli arredi color faggio e le tovaglie bianche con rade righe rosso scuro. Tutto appare in ordine e lindo.

L’offerta è fatta di sfizi fritti (non i tradizionali supplì, fiori e crocchette ma originali fagottini di varie forme ripieni di diverse combinazioni di verdure, formaggi e salumi), portate di latticini e affettati regionali, insalate, schiacciata in tante varianti bianche e rosse e diversi dessert homemade.
Il servizio tutto al maschile (nessuna “quota rosa”!) è estremamente efficiente e resta sempre cordiale, simpatico e sorridente. Sembra di stare tra amici!
Frequentiamo questo locale fin dall’apertura (nel 2007) quando ancora in pochi lo conoscevano. Col tempo si è poi affollato tanto che era diventato impossibile trovare un posto senza prenotare, se non sul tardi. Ora c’è da dire che le frequentazioni ben si distribuiscono tra l’Antica Schiacciata e le vicine pizzerie più o meno illustri, tanto che questa volta non abbiamo avuto problemi a trovare un tavolo senza riservare.
Menzione finale d’obbligo per l’apertura sette giorni su sette fino all’01.00 di notte che ben accontenta chi ama cenare sul tardi o i dopocinema.

La visita si riferisce a domenica 09 gennaio 2011.

Le nostre pagelle:

  • Ospitalità 7,5
  • Ambiente 6,5
  • Mescita 6,5
  • Antipasti 6,5
  • Pizza 7
  • Dessert non provati

Prezzo:

  • Pasto: 20€ (margherita 9€, altre pizze 8€-10€, sfizi fritti per due 7,50€, dolci 4,50€)

In Breve:
♥ Un, due, tre…Pinsa!

Informazioni pratiche:
Sito web: http://www.anticaschiacciata.it/
Indirizzo: via Folco Portinari 38, 00151 Roma (come arrivare)
Orario: tutti i giorni fino all’01:00
Tel. 06.536112
Altre sedi: La Pratolina (come arrivare) – Condimenti I Marchi (come arrivare) [aggiornamento del 13/7/2011]

…dalla nostra esperienza:

Continua a leggere

20 locali da bere e da stuzzicare a Roma

Clicca qui per l’aggiornamento 2014

Clicca qui per l’aggiornamento 2014

English version

Dopo aver trascurato a lungo l’argomento, inauguriamo il nuovo anno con un articolo interamente dedicato alle “ore” che precedono la cena (e perché no a volte anche il pranzo!) e che sempre più spesso divengono un’occasione di incontro e di relax, sia per spezzare la routine della settimana lavorativa, sia per assecondare i ritmi “lenti” del weekend. E negli anni ai drink – veri protagonisti romani dell’aperitivo – si sono affiancati gli assaggini “spezzafame” ora a buffet ora a piatto fisso, a seconda di come i locali personalizzano il “momento”. Certo è che se nelle intenzioni Roma ha tentato di avvicinarsi a Milano sull’offerta “da mangiare”, nei fatti resta ancora lontana! E non è solo una questione di geografia…
Ecco dunque una nostra sintetica selezione di 20 indirizzi “da bere e da stuzzicare” per l’apéritif romano. Anche questi – così come i brunch e i dolci – ci siamo dilettati a suddividerli in categorie. E ora scegliete la vostra e unitevi a noi con commenti (positivi o negativi che siano) e suggerimenti su altri locali in tema che amate frequentare. Abbiamo lasciato fuori per ora gli aperitivi “dance”, chissà che non ne venga fuori un articolo dedicato!

Per i locali su cui è disponibile un nostro racconto troverete il link all’articolo, in alternativa al sito web. Ove non  diversamente specificato l’offerta di cibo è da intendersi inclusa nell’ordinazione del drink.

Modaioli – ambiente trendy, fashion e “chic” e scene quasi interamente dedicate a cocktail e drink di tendenza. Ed ecco allora dietro piazza Navona 1) eTablì con i suoi arredi provenzali (peccato il servizio che nell’ultima visita ci è parso un po’ troppo tirato e frettoloso) e piatti di stuzzichini che accompagnano i drink; 2) Il Bar del Fico recentemente ristrutturato, dagli interni moderni e curati, allestisce un mini-buffet di bruschette e insalate di cous cous; accanto a piazza del Popolo il gettonatissimo 3) Salotto Locarno (nella hall dell’omonimo hotel in via della Penna) con la sua aria da “Orient Express” – che ricorda il noto e affine hotel di Istanbul – e gli sfizi di finger-food preparati dal ristorante La Scena sempre dell’albergo; poco lontano, sulla suggestiva piazza di Pietra l’altro storico “divano di Roma”…4) Salotto 42 con il suo ambiente eclettico e nordeuropeo serve assaggini bio insieme ai drink. Ci allontaniamo dal centro per arrivare in zona Ostiense da 5) Doppio Zeroo, che resta un riferimento nel tempo e unisce – rispetto agli altri – all’offerta da bere anche un ricco buffet libero a base perlopiù di pizza calda salata e dolce…e in zona Parioli da 6) Duke’s, sempre di livello i suoi cocktail (non servono stuzzichini di accompagnamento) anche per allietare il dopocena.

Vintagefull immersion in arredi originali che richiamano in tutto e per tutto gli anni ’60-’70. Per gli amanti del genere 7) Necci dal 1924al Pigneto e 8 ) Il baretto in via Garibaldi alle porte di Trastevere. Entrambi offrono un ristretto buffet libero di accompagnamento ai drink, entrambi sono estremamente piacevoli con il bel tempo per via dei loro gradevoli spazi esterni.

Vinaioli – selezione accurata di etichette al calice e in bottiglia con sfizi di qualità a fargli compagnia. 9) Fafiuchè nel Rione Monti, locale curato sui toni del bianco e dell’arancio, con una ventina di coperti, bottiglie in vista e prelibatezze al buffet (un solo piatto compreso nel prezzo fisso della mescita) preparate dalla padrona di casa; lo storico indirizzo – poco distante dalla stazione Termini – 10) Trimani Wine Bar proprio accanto all’omonima enoteca tra le più fornite di Roma (qui si ordina qualche piatto alla carta non incluso nell’offerta da bere); 11) Enoteca Provincia Romana di fronte alla Colonna Traiana con una selezione locale di vini e golosità da scegliere alla carta (anche qui non incluse nel prezzo della mescita); tappa finale a sud da 12) Vineria Anzuini all’Eur dove i calici di vino sono rallegrati da un buffet libero a base di salumi, formaggi, pizza e focacce.

Birraioli – completa devozione per le birre…e fra tutte per quelle artigianali. Sono 13) Open Baladin in via degli Specchi e 14) 4:20 in zona Porta Portese gli indirizzi che gli appassionati del genere non devono perdere! Per stuzzicare si sceglie alla carta e si sopperisce così alla mancanza di una vera offerta dedicata all’aperitivo. Costi del cibo non inclusi nell’offerta da bere.

Young – aria “under 30” da 15) Freni e Frizioni, nel cuore di Trastevere, punto di incontro ormai da anni per turisti e non che colora l’ora dell’aperitivo con cocktail, vini alla mescita e buffet libero dal vegetarian style; al 16) Micca Club a pochi passi da piazza Vittorio, col suo ambiente giovane, vivace e animato…anche dalle tante serate a tema organizzate; al 17)  Momart Cafè in zona Bologna – area degli universitari – ampi e moderni locali dove fare l’happyhour significa accompagnare i drink con buffet abbondante fatto in prevalenza di pizza.

Novità – e infine gli ultimi arrivati nella capitale in fatto di pausa drink. Il pluricitato 18) Settembrini Caffè, nei locali dell’ex-Giolitti alle spalle di piazza Mazzini, per un aperitivo accompagnato da patatine homemade e un piatto di delizie del giorno dalla gastronomia. L’offerta per l’aperitivo è a nostro avviso ancora in cerca di una vera identità, ma siamo certi che Luigi Nastri e i suoi sapranno presentarcela presto, magari insieme a quella più orientata alle birre del dirimpettaio Set’ (prevista tra qualche settimana). E ancora – continuando a parlare di novità – la recente apertura 19) Coffee Pot dall’ambiente singolare ricavato da ex-officine su via della Lega Lombarda (zona Piazzale delle Province), riadattato e arredato con oggetti datati e non al primo uso! Si può sostare tutto il giorno da mattina a notte inoltrata e anche se non c’è  un vero happy hour si può allestire un buffet aperitivo per gruppi e su ordinazione. Una pecca però: a dispetto del nome a sera non si possono ordinare the e caffè! Chiudiamo infine con la citazione di un locale che proprio nuovo non è, anzi prepara pane per il quartiere Esquilino (e non solo) da decenni…è 20) Panella che di nuovo ha – da qualche mese – oltre che parte degli ambienti anche la formula aperitivo a buffet libero con piatti espressi dalla cucina e dal forno.

Immagine tratta da http://www.100vino.it/, segnalateci eventuali vincoli di copyright