Pupina – il Mediterraneo in un piatto solo

Il Ristorante Pupina se ne sta nascosto da tempo in una delle vie che da piazza Cavour si srotolano in Prati e che contribuiscono a formare quel reticolo di strade parallele e perpendicolari che caratterizzano il quartiere.
Il locale è grazioso e curato e ha un solo ingresso a vetri su strada. Un unico ambiente – di forma rettangolare e con alti soffitti – ospita circa 30 coperti, a nostro avviso eccessivamente ravvicinati. Sul fondo un piccolo bancone e uno scaffale con macchina del caffè e bottiglie di vino a vista. I toni e i colori dell’ambiente vanno dal bianco al grigio passando per un caldo rosso ciliegia: pavimenti in parquet “bianco-metallico”, tavolini in vetro con gambe in legno dipinte di grigio, sedie e lampadari bianchi, pareti che nascono grigie (a richiamar i tavoli) e dopo un metro circa ricordano la neve. Il rosso si intromette invece nei cuscini delle sedie, nelle cornici degli specchi a parete e nelle simpatiche tovagliette “sottovetro” sulla superficie dei tavolini. Due lavagne a muro – una a destra e una a sinistra – recitano i piatti del giorno. Tutto appare in ordine: si respira un’aria informale e rilassata.
L’offerta – all’insegna di sapori e profumi mediterranei – è caratterizzata dai piatti unici: carni o portate vegetariane con contorni verdi e di ortaggi. Preparano anche primi e alla carta sono disponibili sfiziose insalate condite con svariati ingredienti. Nella nostra sosta abbiamo pescato tra i protagonisti del giorno: una bruschetta pomodoro e basilico – per iniziare – dal pane fragrante, saporite pennette con zucchine, speck e pomodorini, piatti unici di tagliata di manzo e bocconcini di pollo al limone (carni cotte al punto giusto) entrambi accompagnati da insalatina verde con salsa di senape e croccanti patate arrosto al rosmarino. Destavano curiosità – tra i piatti del giorno – anche la crema di zucchine servita con crostini, gli gnocchetti fatti in casa con pesto di pomodorini secchi e il piatto unico con gattò di patate: facevano capolino dai tavolini vicini e avevano un ottimo aspetto. Disponibile alla carta anche qualche dessert che però non abbiamo provato. Con il caffè offrono un biscottino al burro.
Il servizio in sala è cortese, rapido e riesce a mettere subito a proprio agio. Certo abbiamo sostato di sabato a pranzo – quando il quartiere praticamente si svuota – e i coperti occupati erano circa metà: andrebbe sperimentato anche a sala piena.
Ci siamo stati solo una volta, ma è bastata per un giudizio positivo. Intendiamoci non parliamo di un’offerta fuori dal comune, ma in un quartiere come Prati – pieno di locali tutti uguali e tutti orientati a sfamare i tanti professionisti che qui lavorano – l’ambiente, la freschezza delle materie prime, l’interessante  risultato delle preparazioni ne fanno un indirizzo valido per una sosta di qualità a pranzo o a cena.
Un ringraziamento finale al nostro amico Pier – estimatore di Pupina – che ce lo ha consigliato e fatto conoscere e un saluto speciale a un ospite d’eccezione (noto a tutti in zona) che ci ha allietato la sosta con la sua “chiacchiera”.

Le nostre pagelle:

  • Ospitalità 7
  • Ambiente 6,5
  • Mescita 6
  • Cibo 6,5
    • Antipasti 6
    • Primi 6,5
    • Secondi 7 
    • Contorni 6,5
    • Dessert non provato
    • Pane 6

Prezzo:

  • Pasto: 20€

In breve:
♥ Piatto unico che passione!

Informazioni pratiche:
Sito web: http://www.pupina.it/
Indirizzo: via Marianna Dionigi 37, 00193 Roma (come arrivare)
Orario: aperto a pranzo e a cena (chiuso la domenica)
Tel. 06.3223338

* Immagini realizzate da Tavole Romane, pubblicate sotto una Licenza Creative Commons 

Share

About these ads

One thought on “Pupina – il Mediterraneo in un piatto solo

  1. Ciao,
    dopo esserci riproposti tante volte di provarlo, finalmente la sera di halloween è stata propizia. Erano presenti alcuni piatti a tema che abbiamo provato: antipasto composto da insalata di finocchi, olive ed arance, contorno separato di zucca fritta sottile e fiori di zucca. Come primo “ravioli di zucca” serviti in un piatto a pagoda. Tra i secondi abbiamo provato “tagliata di tonno al pistacchio” con una spruzzata di pepe nero, servito nel piatto con un contorno di insalata e pachino. Sformato di Patate sempre un contorno di insalata e pachino.

    Per quanto riguarda il voto condivido quanto riportato nell’articolo, un angolo informale a piazza cavour diverso dai tanti locali per turisti dove mangiare qualcosa di non commerciale.

    Prezzo: 4 antipasti, 2 primi (ravioli), Secondi: 3 tagliate di tonno, 1 sformato di patate , 1 polpette di pollo. 1 bottiglia di vino, Vin santo per 4. Totale: 40 euro a persona (eravamo in 4).

    A presto,
    M.A.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...