La Fraschetta di Mastro Giorgio – sentori dei Castelli a Testaccio

Chi è Mastro Giorgio?! Beh domanda lecita per chi è inciampato in questo pezzo…
Per quanto ne sappiamo il “titolare” – su insegna – della metaforica Fraschetta incuneata in una delle vie testaccine a metà strada tra lo storico mercato rionale e la nuova sede che costeggia il Monte dei Cocci. Su via Alessandro Volta nel bel mezzo di due “celebrità”: da un capo Volpetti, dall’altro (e per giunta confinante) l’antenato di tutte le Trattorie Romane Felice Trivelloni.
Continua a leggere

“Magnifica Presenza” a Roma: Monteverde!

Non è un segreto ormai che Tavole giri con una certa frequenza per Monteverde…o forse per alcuni lo era e ora non lo è più!

Non è un segreto poi che respirare quotidianamente il quartiere  – percependone il fermento culinario – sia divenuto ad un certo punto  desiderio di raccontarlo tra i post e “trasmetterlo” nei nostri Food Tour. Forse per intimo intuito, forse per voglia di scommessa su una zona che menzioniamo ormai da circa un paio d’anni? Ora con una certa soddisfazione ci rispondiamo “si per intuito…scommessa vinta!” a giudicare dalle continue aperture di zona. E un certo piacere ce lo ha lasciato anche constatare che il TG2 ha voluto darci credito sull’argomento, visto che giusto qualche settimana fa con la rubrica Eat Parade si è messo sulle tracce del nostro Food Tour che corre per Monteverde.

E di nuovo -per restare in tema di riprese – non è un segreto che sempre più registi intrufolino i loro set cinematografici tra vie, case e condomini di Monteverde per ritrarre Roma, coglierne l’anima e migrarla in scena. Ultimo tra gli altri una firma preziosa del nostro cinema Ferzan Ozpeteck con “Magnifica Presenza“.

E così mentre accomodati in sala lo sguardo segue il via vai di un sorprendente Elio Germano tra via Cavalcanti e via Poerio, tra la magnetica e “affollata” casa protagonista e il bar antistante, tra le corse sul tram numero 8 e l’immancabile “ozpetekiano” Andreotti – dove il protagonista prepara nottetempo cornetti – sale il desiderio di rispolverare il quartiere con un giro di Presenze targate Tavole.
Continua a leggere

4 “Dolci” recenti aperture a Roma e dintorni

English version

Lo avevamo già detto, e ci ripeteremo dunque: Roma è davvero in fermento, “culinariamente” parlando! Tra fine 2011 e inizio 2012 diverse sono state le nuove aperture qui e lì sul territorio romano. In attesa di esplorarle come si deve, ecco intanto un breve e rapido passaggio per quattro novità “dolci” che si sono subito distinte. Prendete nota… Continua a leggere

Antico Arco – serata di coccole culinarie *Aggiornamento*

Ristorante Antico Arco Gianicolo

- Antico Arco, esterno** -

Aggiornamento dei precedenti articoli (1 e 2)  che consigliamo di leggere per una vista d’insieme su questa Tavola e per le informazioni pratiche.

Cosa c’è di nuovo?

Una notizia relativamente recente – per questo ristorante da anni protagonista del palcoscenico della Roma gourmet – effettivamente c’è!
Antico Arco – serata di coccole culinarie” recita il titolo del nostro primo post: ecco quel titolo non è poi più così appropriato, e non per una dipartita delle coccole! Da qualche tempo infatti l’Antico Arco è aperto anche a pranzo con un menu ridotto (e senza biscottini-omaggio a fine pasto) rispetto al fratello maggiore versione dinner e con uno sconto del 10% sui prezzi.
Qualche giorno fa è capitato di tornarci giusto a pranzo per un business lunch, finalità d’uso quanto mai azzeccata per ovvi e imperterriti motivi…
Ciò che non è nuovo difatti – e che l’Antico Arco preserva con costanza – sono gli elementi che ormai da tempo ne fanno un riferimento in città: l’alto livello di un’offerta sempre a metà strada tra la creatività e le rassicuranti tradizioni, l’aria sofisticata e accogliente dell’ambiente, il servizio fedele a forma, precisione e cordialità.
Ah dimenticavamo! Da un po’ c’è una novità “stradal-urbanistica” che poco c’entra con l’anima intrinseca del locale, ma di cui il locale stesso giova. Quel fastidioso vortice di traffico che si consumava a ridosso dell’ingresso al ristorante è stato interrotto: il tratto di asfalto che lo separa dall’entrata del dirimpettaio Museo della memoria garibaldina (inaugurato lo scorso anno) è stato reso pedonale. E così anche l’indugiare in entrata e in uscita è più lento…

Insomma si capisce che l’Antico Arco resta uno dei nostri loved places a Roma?!

Ma ora basta “parlare” e spazio ai nostri scatti dal pranzo…

Continua a leggere