20 locali (e più) da bere e da stuzzicare a Roma

aperitivo_foto1_wm

English version

Dopo aver trascurato a lungo l’argomento, complici anche le quanto mai numerose ricerche in materia sul blog, eccoci con un aggiornamento su come trascorrere le “ore” che precedono la cena (e perché no a volte anche il pranzo!),  sempre più spesso occasione di incontro e di relax, sia per spezzare la routine della settimana lavorativa, sia per assecondare i ritmi “lenti” del weekend. E negli anni ai drink – veri protagonisti romani dell’aperitivo – si sono sempre più affiancati gli assaggini “spezzafame” ora a buffet ora a piatto fisso, a seconda di come i locali personalizzano il “momento”. Tanto per restringere – nelle intenzioni – quella forbice che separa ancora troppo Roma da Milano.

Abbiamo lasciato fuori per ora gli aperitivi “dance”, chissà che non ne venga fuori un articolo dedicato!

Ecco dunque una nostra sintetica selezione aggiornata di 20 indirizzi e più “da bere e da stuzzicare” per l’apéritif romano. Anche questi – così come i brunch e i dolci – ci siamo dilettati a suddividerli in categorie. E ora scegliete la vostra e unitevi a noi con commenti (positivi o negativi che siano) e suggerimenti su altri locali in tema che amate frequentare.

Per i locali su cui è disponibile un nostro racconto troverete il link all’articolo, in alternativa al sito web. Ove non  diversamente specificato l’offerta di cibo è da intendersi inclusa nell’ordinazione del drink.

A tema – Si a tema, non ci veniva altro termine per citare degli indirizzi fortemente caratterizzati. Ed ecco allora 1) CO.SO (tema il Cocktail con la “C” maiuscola) al Pigneto dove l’ex-barman dell’hotel De Russie Massimo D’Addezio ha messo in piedi un nuovo locale per dar sfogo alla fantasia con cocktail di ogni genere. Da accompagnare all’ora dell’aperitivo con sfizi salati e perchè no col loro “porchetta-burger” (da ordinare a parte). Ancora 2) Pescheria Consoli (tema neanche a dirlo il pesce, fresco dal litorale laziale) al Tuscolano per un calice di vino e piatto a buffet da riempire con carpacci, fritture di calamari, gamberi e alici, carbonara di spada affumicato, amatriciana di tonno affumicato, cacio e pepe di gambero e preparazioni stagionali. In coda – solo per ordine alfabetico - 3) 20MQ Caffè (tema il Design) al Flaminio. Si può sorseggiare un calice di vino o una birra artigianale, mangiare quanto di bio-finger prepara la gestione giornalmente in modo espresso. Tra originali oggetti esposti per l’acquisto. All’interno o anche ai simpatici tavolini attrezzati sul largo marciapiede antistante fronte tram.

Alldaylong - come termine suggerisce aperti da mattino a notte e come tali pronti a servir da bere e mangiare tutto il tempo. In centro a due passi da fontana di Trevi 4) Baccano, un neo-bistrot che serve tutti i pasti del giorno e ideale anche per indugiare all’ora dell’aperitivo tra gli arredi in legno o nel piccolo dehor con un drink e qualche piacevole assaggino salato fatto di fritti, sformatini, bruschette e lieviti farciti serviti al tavolo.  In Prati invece 5) Romeo la nota creatura Bowerman-Spada-Roscioli dove ci si può sistemare agli sgabelli o ai tavolini, girovagare tra il banco salumi-formaggi e quello forno e scegliere da lì o dal menu con cosa accompagnare un buon calice di vino o una birra artigianale. E sempre in Prati 6) Settembrini Caffè, alle spalle di piazza Mazzini, per un aperitivo accompagnato da patatine homemade e un piatto di delizie del giorno dalla gastronomia. Non sfuggano nella stessa via – sempre a marchio Settembrini – la libreria ‘Set dove organizzano eventi culinari a tema o privati, Birra e Porchetta (che non ha bisogno di troppe parole), l’Officina per gli acquisti e lo storico Ristorante, il precursore attualmente gestito in continuità dopo la recente uscita dello chef Luigi Nastri.

Di sostanza - beh il nome della categoria non dovrebbe lasciar dubbi. Qui parliamo di quei posti dove praticamente si riesce a cenare tanto è abbondante l’offerta.  Nessun limite di volte per attingere ai banchi buffet naturalmente. Passiamoli in rassegna. In zona Ostiense per 7) Doppio Zeroo, che resta un riferimento nel tempo e unisce – rispetto agli altri – all’offerta da bere anche un ricco buffet libero a base perlopiù di pizza calda salata e dolce, insalate di pasta, farro o cous-cous. 8 -  Momart Cafè in zona Bologna – area degli universitari – ampi e moderni locali dove fare l’happyhour significa accompagnare i drink con buffet abbondante fatto in prevalenza di pizza, una soffice pizza variamente preparata e col tempo continua a tenere in qualità. Terza citazione di categoria per un locale che proprio nuovo non è, anzi prepara pane per il quartiere Esquilino (e non solo) da decenni…è 9) Panella che con la formula aperitivo a 15€ consente buffet libero (seppur servito) con piatti espressi dalla cucina e dal forno. A nostro giudizio uno dei migliori buffet per qualità, varietà e presentazione: se transitate non perdete i frittini, la farinata di ceci e le crostate salate. Ed eccoci a Testaccio da 10) Rec23 su Piazza dell’Emporio. Buoni cocktail con possibilità di accesso ad un ricco buffet di insalate vegetariane e di pasta, fritti, focacce e qualche secondo di carne in un ambiente moderno e curato.

Modaioli – ambiente trendy, fashion e “chic” e scene quasi interamente dedicate a cocktail e drink di tendenza. Ed ecco allora dietro piazza Navona 11) eTablì con i suoi arredi provenzali (peccato il servizio che nell’ultima visita ci è parso un po’ troppo tirato e frettoloso) e piatti di stuzzichini che accompagnano i drink; 12) Salotto Locarno (nella hall dell’omonimo hotel in via della Penna) con la sua aria da “Orient Express” – che ricorda il noto e affine hotel di Istanbul – e gli sfizi di finger-food preparati dal ristorante La Scena sempre dell’albergo; poco lontano, sulla suggestiva piazza di Pietra l’altro storico “divano di Roma”…13) Salotto 42 con il suo ambiente eclettico e nordeuropeo serve assaggini bio insieme ai drink; 14) Sorpasso in Prati (ecco ritorna!) un vero ritrovo ormai per i tanti professionisti di zona – e non solo – a fine giornata. Un bicchiere e qualche  assaggio dalla selezione salumi e formaggi per l’aperitivo. Sempre affollatissimo.

Vintagefull immersion in arredi originali che richiamano in tutto e per tutto gli anni ’60-’70. Per gli amanti del genere 15) Il baretto in via Garibaldi alle porte di Trastevere e 16) Necci dal 1924al Pigneto. Entrambi offrono un ristretto buffet libero di accompagnamento ai drink, entrambi sono estremamente piacevoli con il bel tempo per via dei loro gradevoli spazi esterni.

Vinaioli – selezione accurata di etichette al calice e in bottiglia con sfizi di qualità a fargli compagnia. 17) Enoteca Provincia Romana di fronte alla Colonna Traiana con una selezione locale di vini e golosità da scegliere alla carta (anche qui non incluse nel prezzo della mescita); si amplia la scelta “mangia e bevi” tra gli spazi di 18 - La Barrique a Monti e il gemello Remigio al Tuscolano dove è la mano di Fabrizio Pagliardi ad alimentare le cantine e da 19) Il goccetto nei pressi di via Giulia un’altro wine-bar “chicca” che per fortuna ben resiste negli anni; 20) Trimani Wine Bar proprio accanto all’omonima enoteca tra le più fornite di Roma (qui si ordina qualche piatto alla carta non incluso nell’offerta da bere); 21) Vineria Litro al Gianicolo, una recente apertura con qualche coperto all’interno e qualche piacevole tavolino all’aperto. Per un aperitivo a base di vini biodinamici e salumi più prodotti caseari selezionati da scegliere in carta.

Birraioli - completa devozione per le birre…e fra tutte per quelle artigianali. Sono 22) Open Baladin in via degli Specchi e 23) 4:20 in zona Porta Portese gli indirizzi che gli appassionati del genere non devono perdere! Per stuzzicare si sceglie alla carta e si sopperisce così alla mancanza di una vera offerta dedicata all’aperitivo. Costi del cibo non inclusi nell’offerta da bere.
Tenete sott’occhio questa categoria! E’ sicuramente la più promettente a giudicar dalle tante aperture in città più o meno consolidate. Tanto per citarne alcune Birstrò al Pigneto, Bibere Bistrot a Porto Fluviale, Hopside sempre in zona Ostiense, Offlicense a Trionfale, Beerland a Trastevere: non le abbiamo però provate abbastanza per poterle consigliare a occhi chiusi. Appunteremo qui nel tempo aggiornamenti.

Young – aria “under 30” da 24) Bottiglieria Pigneto nell’omonimo quartiere e da 25) Freni e Frizioni, nel cuore di Trastevere, punto di incontro ormai da anni per turisti e non che colora l’ora dell’aperitivo con cocktail, vini alla mescita e buffet libero dal vegetarian style.

Immagine by ziofrankie

About these ads

One thought on “20 locali (e più) da bere e da stuzzicare a Roma

  1. Pingback: 20 locali da bere e da stuzzicare a Roma | Tavole Romane Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...